Menu

Marina c'entro

Lunedì 18 settembre 2017 - Altre news

Marina c'entro

Sono stati 11 i ragazzi con disabilità convolti dalle spiagge del Consorzio “Marina centro”, che mette insieme le spiagge dal 19 al 28 di Rimini, in un progetto di inclusione sociale.

Bagnini, animatori, addetti all’infopoint: i ragazzi hanno potuto mettersi alla prova in una vera e propria esperienza lavorativa estiva, affiancando i professionisti che lavorano in spiaggia.

Gli esiti del progetto sono stati presentati alla città nell’ambito del Festival del turismo responsabile I.ta.cà sabato 16 settembre. A introdurli Stefano Mazzotti, coordinatore del progetto per conto del consorzio e titolare del bagno 27: “Più che i numeri ci interessa raccontare le storie dei protagonisti di questo progetto e il valore aggiunto che possono portare alle imprese balnerari. Il nostro sogno? Pensare che in ognuno dei 220 stabilimenti riminesi possa lavorare un ragazzo con disabilità”.

Il progetto è stato realizzato grazie alla rete con le associazioni Crescere insieme e Rimini autismo e alla collaborazione con l’Università di Bologna, la coop. sociale Il Millepiedi, la Fondazione Enaip S. Zavatta di Rimini.

“Questo progetto non è una fiction come le tante che si vedono in tv, ma realtà” – ha aggiunto Sabrina Marchetti, presidente di Crescere insieme. “Per i nostri ragazzi non chiediamo pietismo, ma inclusione. Vorremmo che le aziende si avvicinassero loro non perché c’è un obbligo di legge ma per un reale interesse”.

Potrebbero interessarti anche...

Foto

Presentati gli esiti del progetto

Video

Marina c'entro