Menu

L'outdoor education a Rimini

Venerdì 11 gennaio 2019 - Corsi e seminari - Data evento: sabato 2 febbraio 2019

L'outdoor education a Rimini

"Chi è dentro è dentro, chi è fuori è fuori?" è il titolo dell'incontro previsto sabato 2 febbraio dalle 9,30 alle 12,30 nell'aula magna del liceo Serpieri di via Sacramora 52, a Viserba di Rimini. L'incontro, rivolto a docenti, educatori e cittadini interessati, mette sotto la lente di ingrandimento l'outdoor education nelle scuole per l'infanzia fra teorie ed esperienze sul territorio. 

Il seminario è gratuito. Iscrizione obbligatoria entro venerdì 1 febbraio compilando il modulo online. Per informazioni: il Millepiedi tel. 0541 709157, Ippogrifo tel. 366 4859828.

Le azioni progettuali coinvolgono, tra partner e strutture di appoggio, ben 19 centri di educazione alla sostenibilità (Ceas), distribuiti in modo omogeneo tra le province, da quelle di Piacenza e Parma a quelle di Forlì Cesena e Rimini. I centri, inoltri, sono spesso collegati in modo diretto o indiretto a varie tipologie di aree protette (parchi nazionali, interregionali, regionali, riserve naturali e altre aree protette minori). Nel territorio regionale sono attivi progetti di outdoor education in nidi e scuole dell’infanzia comunali, statali e private, gestiti anche da associazioni e cooperative presenti sul territorio.

Tutti i Ceas coinvolti nel progetto svolgono attività di scoperta della biodiversità e del territorio attraverso uscite didattiche a diretto contatto con la natura, che spesso coinvolgono anche bambini della fascia 3-6 anni. Il progetto punta a fare in modo che i Ceas possano valorizzare le proprie esperienze e peculiarità nel panorama regionale, in un quadro di modalità didattiche innovative che affrontino anche il tema della sistemazione degli spazi verdi scolastici per favorire le pratiche educative outdoor.

Per i Ceas delle aree protette, inoltre, il progetto è perfettamente in linea con finalità istitutive come l’educazione ambientale, la conservazione e valorizzazione della biodiversità, la formazione e la ricerca. Il progetto è una grande opportunità per sperimentare e verificare l’approccio outdoor, da sempre praticato, con il supporto di pedagogisti ed esperti che hanno già realizzato esperienze di questo tipo e corsi di formazione per docenti e sono intensamente coinvolti nel dibattito che vede le esperienze in natura come un momento indispensabile e fondamentale per la crescita equilibrata dei bambini delle nuove generazioni.

Tutti i Ceas partner collaborano tra di loro alle attività del percorso formativo rivolto a insegnanti, educatori e collaboratori e alle sperimentazioni con le sezioni campione di nido e scuola dell’infanzia.

Il progetto punta in primo luogo a collegare e mettere in relazione positiva tutte le persone, le strutture, gli enti, le istituzioni, le famiglie che in ambito regionale stanno, negli ultimi anni o da più tempo, lavorando alla formulazione di un nuovo modello di scuola, meno rigida e più aperta, soprattutto nella fascia di età della prima infanzia. L’obiettivo è contribuire all'affermazione di una scuola in grado di ripensare radicalmente il classico rapporto tra “dentro” e “fuori”, avvicinandosi in questo modo alle più innovative pratiche scolastiche nella natura che dal dopoguerra a oggi si sono diffuse soprattutto nel Nord Europa e riallacciandosi alla grande stagione pedagogica delle scuole all'aperto nate tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento in vari paesi europei, tra cui l’Italia.

In tal modo, coordinatori pedagogici, dirigenti scolastici, insegnanti, educatori e collaboratori, sono stimolati a ripensare la relazione educativa per favorire l’esplorazione dell’ambiente esterno: dallo spazio verde scolastico, frequentabile in modo pressoché quotidiano, a situazioni più complesse in ambito urbano e periurbano (di frequentazione più occasionale), con l’obiettivo di rileggere i propri spazi esterni come opportunità educativa in continuità con quelli interni e di valorizzare, attraverso la pratica dell’osservazione, le attività di gioco libero che i bambini svolgono all'aperto a contatto con la natura.