Menu

Parole d'odio

Martedì 9 luglio 2019 - Corsi e seminari - Data evento: 18 e 19 luglio 2019

Parole d'odio

Le parole sono importanti. Non passano, restano. Possono infangare, offendere, ferire. Oggi le parole si dicono senza pensare alle conseguenze. Parole violente nei post dei social network, nelle pagine dei giornali, in televisione…

Il Comune di Rimini nell’ambito della Rete regionale contro le discriminazioni promuove, giovedì 18 luglio (ore 14,30-19) e venerdì 19 luglio (ore 9-13) 2019, nella sede di Innovation Square (Palazzo Buonadrata, corso D'Augusto 62 - II piano), un percorso sul tema dell’hate speech (incitamento all’odio) e delle discriminazioni su base etnica, di orientamento sessuale e di genere.

Il seminario si intitola "Discriminazioni: riconoscerle, capirle e contrastarle". E sarà condotto da Udo Enwereuzor, responsabile tematico del Cospe su Migrazioni, Minoranze e Diritti di cittadinanza e rappresentante italiano del Migration Development Task Force di Concord Europe.

L’iniziativa è gratuita, a numero chiuso e rivolta a:

  • assistenti sociali
  • operatori dei servizi
  • operatori del Terzo Settore educatori
  • cittadinanza interessata


Si prevede una partecipazione attiva tramite simulazioni e gruppi di discussione. Verrà rilasciato un attestato di frequenza valido per richiedere il riconoscimento di crediti formativi per assistenti sociali. 

Per informazioni e iscrizioni: reteassistenzaextraue@comune.rimini.it

Uno spot per riflettere sull’hate speech

Chi naviga su internet e frequenta i social network si sarà spesso imbattuto nei cosiddetti "haters", cioè coloro che "odiano" (dall'inglese "hate"), che avvelenano le discussioni con i loro commenti e post improntati ad aggressività e violenza nei confronti di determinate categorie.

Ecco perché, oltre al seminario, la Rete contro le discriminazioni riminese ha pensato a un breve spot (da diffondere sul web) utile ad attivare una campagna di riflessione sull’hate speech e sulle forme di bullismo verbali più diffuse, attraverso il contributo degli sportelli “antenna” della rete regionale contro le discriminazioni.