Menu

Trame sociali

Lunedì 11 maggio 2020 - Altre news

Trame sociali

5 questionari per indagare le “Trame sociali” nel centro storico di Rimini: luoghi di incontro informali e modalità di fruizione dello spazio pubblico.

Cosa rappresenta il centro storico per famiglie, giovani e anziani? Questa l’indagine portata avanti dalle antropologhe volontarie dell'associazione Margaret all'interno del progetto Trame sociali, realizzato con il contributo della Regione Emilia-Romagna (bando Dgr 689/2019) e del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Si tratta dello step teorico dell'iniziativa che vuole offrire alle altre azioni progettuali lo sfondo antropologico culturale per promuovere la partecipazione giovanile alle attività della città e la rigenerazione della vita comunitaria.

I questionari

Ovviamente a causa della situazione attuale, la ricerca ha subito una battuta d'arresto, ecco perché le volontarie hanno pensato di farla ripartire attraverso la somministrazione di 5 questionari online e anonimi rivolti alle persone che frequentano il centro storco riminese, suddivise per fasce di età:

  1. anni 12-19
  2. anni 19-35
  3. anni 35-60
  4. dai 60 anni in su
  5. famiglie con figli (non più di 14 anni)

Inizialmente i questionari, ora compilabili dalla pagina facebook dell'associazione Margaret, sono stati sottoposti di persona dalle antropologhe volontarie. In squadra anche tre minori stranieri non accompagnati che, in qualità di assistenti ricercatori, hanno coinvolto nell'indagine i loro coetanei.

Gli obiettivi della ricerca

Indaghiamo – spiega Giorgia Guenci Villa, antropologa ricercatrice, presidente dell'associazione – i luoghi di incontro informali, le abitudini, le motivazioni che portano le persone a frequentare il centro storico. Dall’osservazione etnografica sono già emersi alcuni interessanti aspetti. Piazza Cavour, per esempio, è un punto di riferimento per giovani (fontana della Pigna), anziani (nelle panchine), immigrati (sotto i portici), persone che frequentano lo stesso luogo ma fra cui abbiamo rilevato non esserci mescolanza e contatto. Interessante poi come cambia l'aspetto del centro tra i giorni della settimana e il weekend, quando il lato commerciale si intreccia con quello conviviale come luogo di appuntamento tra i ragazzi”.

Temi che oggi acquistano un valore ancora più rilevante tenuto conto di quanto le misure a contrasto del coronavirus abbiano inciso proprio nelle relazioni interpersonali e nelle modalità di fruire degli spazi all'aperto. Aspetti che hanno reso questa indagine senza dubbio ancora più attuale.

Trame sociali è promosso in rete dalle associazioni Istituto di Scienze dell'Uomo, Margaret, EduAction, 2000Giovani, Arti in Cantiere e Madonna della Carità