Menu

Riportando tutto a casa

Venerdì 14 gennaio 2022 - Altre news

Riportando tutto a casa

Sarà pubblicato dalla casa editrice milanese bookabook il libro “Riportando tutto a casa”, a cura della 38enne riminese Silvia Sanchini.

Storie di giovani cresciuti in comunità o affido, adozione, disabilità, immigrazione, inclusione, salute mentale. Narrazioni raccolte dall’autrice in 15 anni di lavoro in ambito educativo e sociale.

Il libro è stato promosso attraverso un crowdfunding con l’editrice bookabook: in pochissime settimane è già stato raggiunto l’obiettivo di 250 pre-ordini. Grazie a questi numeri la pubblicazione andrà in stampa raggiungendo anche librerie e negozi online.

Ma è ancora possibile effettuare la prenotazione per aggiudicarsi la propria copia in formato e-book o cartaceo. Basta andare nell’apposita sezione del sito di bookabook per preordinare il libro.

Appuntamenti online

I sostenitori riceveranno il libro entro settembre 2022, nel frattempo saranno organizzati eventi e iniziative (anche online) per aprire un confronto con i lettori e le lettrici. Dopo la prima diretta dello scorso 9 gennaio 2022 dedicata ad affido e adozione, il prossimo appuntamento è mercoledì 19 gennaio 2022 alle 18: si parlerà di giovani, volontariato e partecipazione attiva con Diletta Mauri (Università di Trento) e Tommaso Terbojevich (TeamBòta Rimini). Sempre sull’account Instagram @silvias_83.

Libro sospeso

Infine, insieme al libro nasce anche un’iniziativa di solidarietà: un libro “sospeso” per adottare un giovane lettore o una giovane lettrice. Contattando l’autrice si potrà infatti donare una copia del libro a chi più difficilmente potrebbe permettersi di acquistarla, nell’obiettivo che questi racconti possano raggiungere anche contesti inusuali come le case-famiglia, le comunità o il carcere… nella convinzione che i libri creino legami e possano donare speranza.

 Per maggiori informazioni: silvia.sanchini@gmail.com - http://silviasanchini.wordpress.com pagina Facebook: https://www.facebook.com/sanchinisilvia

Un particolare ringraziamento va a tutte le realtà del terzo settore con cui ho collaborato e che hanno ispirato queste storie e riflessioni: educatori, volontari, ragazzi e ragazze a cui mi sono accostata in punta di piedi per la delicatezza delle loro vite, così fragili e preziose. Grazie a chi sin da ora ha pre-ordinato il libro, un atto di fiducia e gentilezza e spero che questa piccola fatica letteraria nasce soprattutto per offrire occasioni di riflessione e condivisione”, commenta l’autrice.