Menu

A mano A mano

Presentato:

2019-2020 - Il progetto è realizzato con il contributo della Regione Emilia-Romagna (Bando Dgr 689/2019) e del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali

Settore d'intervento:

Ambiente

Categoria progetto:

Altri progetti

Associazioni promotrici:

Rumori Sinistri, Arcobaleno, No Border

Descrizione:

Il progetto ha l’ambizione di stimolare un lavoro di prossimità per dare risposte alla crisi economica, sociale, ambientale favorendo processi di coesione sociale e operando, in particolare, nell’area ex Hera limitrofa al Parco Marecchia (zona via Dario Campana).

Scheda progetto A mano A mano

Obiettivi:

  • Sviluppare una filiera “spreco zero” favorendo il riuso dei materiali, la partecipazione attiva e l’empowerment delle persone emarginate e svantaggiate
  • Favorire l’incontro e lo scambio in particolare tra mamme, italiane e straniere
  • Riqualificazione urbana del quartiere

Azioni:

Azione 1 Rete Spreco zero

  • Creazione di una rete mutualistica di commercianti/cittadinanza/istituzioni/Università del quartiere per la raccolta delle eccedenze alimentari e vestiario, giochi/libri per bambini
  • Campagna di raccolta giochi e libri per bambini a cura di Guardaroba Solidale e Mani Tese
  • Attivazione punti di raccolta vestiario/giochi/libri: attivazione n.2 punti raccolta presso il Guardaroba Solidale e Mani tese nelle normali aperture
  • Raccolta porta a porta eccedenze alimentari che coinvolgerà gli abitanti di Casa Don Gallo e il collettivo ambientalista locale. Gli alimenti recuperati saranno distribuiti per Casa Don Gallo, per il laboratorio di cucina o a chi ne fa richiesta

Azione 2 Briciole e voci

  • Organizzazione di 3 laboratori di cucina/narrazione “briciole e voci” rivolti a madri italiane e straniere durante i quali le partecipanti condivideranno ricette e storie di vita per costruire reti solidali e per far fronte alla condizione di solitudine che spesso accompagna la maternità. Le attività si svolgeranno nei locali dell’assocazione Arcobaleno

Azione 3 L’isola che c’è

  • Creazione di uno spazio ludico/creativo con biblioteca interculturale dal nome “L’isola che c’è” all’interno della Scuola di italiano. Lo spazio sarà da un lato di supporto alle madri straniere frequentanti i corsi di italiano, dall’altro, sarà un luogo di incontro aperto a tutte le mamme italiane e non che desiderano condividere esperienze relative alla genitorialità

Azione 4. Verso l’officina di quartiere

  • L’azione nasce per valorizzare i progetti partecipati già in atto nel quartiere: il Percorso Madi_Marecchia approvato nei Piani di zona e il Portierato Cittadino finanziato dal precedente bando. L’azione è propedeutica anche alla riqualificazione urbanistica di alcuni immobili