Menu

In-contro. Un museo come spazio di condivisione e solidarietà

Presentato:

Settore d'intervento:

Cultura/Formazione/Educazione

Categoria progetto:

Progetti sociali

Associazioni promotrici:

  • Vite in transito (capofila)
  • Orizzonti Nuovi
  • La Bottega Culturale

Il progetto è realizzato con il contributo della Regione Emilia-Romagna (Bando Dgr 699/2018).

Descrizione:

Il progetto vuole trasformare il "Museo degli Sguardi" di Rimini da luogo negletto a spazio di dialogo tra culture, generazioni ed esperienze diverse. Un generatore di una cultura ospitale, fonte di relazioni, basate sulla pari dignità e sul riconoscimento reciproco tra soggetti diversi come richiedenti asili, sofferenti psichici e la cittadinanza tutta. 

Obiettivi:

  • Sviluppo e rafforzamento della cittadinanza attiva, della legalità e della corresponsabilità anche attraverso la tutela e valorizzazione di beni comuni
  • Contrasto alle solitudini involontarie attraverso iniziative e percorsi di coinvolgimento partecipato

Azioni:

2° periodo: ottobre 2018
Azione teatrale su una storia di disagio psichico. letture in occasione del Congresso Nazionale della Società Italiana Epidemiologia Psichiatrica (Siep) denominata “Amarcord 180:Prospettive per la Salute Mentale, a 40 anni dalla Riforma della Legge 180 di Franco Basaglia".

3° periodo: fine ottobre 2018
In occasione della Giornata del Dialogo Interculturale e Interreligioso Cristiano – Islamico concerto di musica Sufi con Fabio Mina e letture.

4° periodo: da ottobre 2018 a metà febbraio 2019
Corso di formazione per costituire un gruppo di mediatori museali nel Museo degli Sguardi.

5° periodo: da novembre 2018 a maggio 2019
Corso teatrale con Michele Zizzari. 

6° periodo: da metà febbraio a metà marzo 2019
Allestimento dell’installazione artistica che prevede l’inserimento di un percorso museale innovativo realizzato dagli oggetti che i rifugiati – migranti sceglieranno dai depositi del
museo.  Questa installazione sarà visitabile, accompagnata dai racconti dei “nuovi” mediatori museali fino a metà luglio 2019.

7°periodo: da metà marzo a metà luglio 2019.
Restituzione alla città: in riferimento alla Giornata Mondiale per eliminare la discriminazione razziale, nonché l’inizio della primavera, il progetto In-contro coinvolgerà la cittadinanza e tutti i soggetti del progetto attraverso una serie di appuntamenti per ri-aprire alla città di Rimini il Museo degli Sguardi.

8°periodo: settembre-ottobre 2019.
Convegno di riflessione sul progetto realizzato e sulle prospettive future del museo degli Sguardi come motore di incontro e di convivenza delle differenze, prevista la partecipazione di docenti dell’Università.

Risultati conseguiti:

I risultati attesi sono la ri-appropiazione di questo patrimonio culturale da parte dei cittadini, anche attraverso la collaborazione-valorizzazione di alcuni soggetti normalmente emarginati e discriminati. Ci si attende una sostenibilità duratura, in grado di generare una reale integrazione dei soggetti migranti, rifugiati politici e da soggetti affetti da disabilità psichiche nel tessuto sociale e culturale del territorio.

In particolare i risultati attesi riguardano:
- l'apertura del museo;
- la formazione di guide museali interculturali;
- la creazione di percorsi turistici alternativi tesi a valorizzare l’ambiente naturale, antropico, storico-artistico nel quale il museo è inserito (Abbazia di Santa Maria della Scolca, Santuario delle Grazie);
- promozione di una cultura gastronomica che coniughi i sapori dal mondo con quelli della tradizione locale.

Partner:

Università di Bologna Polo riminese - Assessorato alla Cultura di Rimini - Coop. Cento Fiori - Coop. Terre solidali - Associazione culturale Korekanè - Casa dell'Intercultura di Rimini - Centro diurno I Girasoli - Associazione Culturale Arteda - Legambiente